ob

Emoglobina bassa: cause, sintomi, diagnosi e trattamento

Emoglobina bassa cause, sintomi, diagnosi e trattamento

Cos’è l’emoglobina, quale funzione svolge, e perché una sua carenza può essere pericolosa per la nostra salute? Scopriamolo insieme. Intro. 

Nel celebre cartone animato francese andato in onda a partire dalla seconda metà degli anni ‘80 “Siamo fatti così”, l’emoglobina veniva rappresentata come un omino rosso dotato di una sacca sulla schiena al cui interno venivano disposte le bolle di ossigeno.

Per quanto fantasiosa, quella rappresentazione era però molto efficace nel restituire la sua funzione; in effetti, l’emoglobina è un’importantissima proteina presente nei globuli rossi del sangue, che gioca un ruolo fondamentale nel trasporto dell’ossigeno ai tessuti del nostro corpo

Sin dalla sua scoperta – avvenuta nel 1840 da parte di Friedrich Ludwig Hunefeld, un membro dell’Associazione Tedesca di Biochimica – questa proteina ha affascinato i ricercatori per la sua struttura complessa e la sua capacità di legare e rilasciare l’ossigeno in modo preciso ed efficiente

È grazie a essa che il nostro corpo può svolgere le sue funzioni vitali, garantendo un adeguato apporto di ossigeno a tutti i tessuti e organi, ecco perché uno squilibrio nei suoi valori può rappresentare una minaccia per la nostra salute, in particolare l’emoglobina bassa

Approfondiamo insieme, e cerchiamo di capire cosa s’intende per emoglobina bassa, quali sono le cause e i sintomi principali, come si diagnostica e quali sono le opzioni terapeutiche disponibili

Cos’è l’emoglobina?

L’emoglobina è una proteina presente nei globuli rossi del sangue, anche detti eritrociti. La sua principale funzione è quella di trasportare l’ossigeno dai polmoni ai tessuti del corpo, e il biossido di carbonio prodotto dai tessuti verso i polmoni per essere eliminato.

La struttura dell’emoglobina è costituita da quattro subunità proteiche, ognuna delle quali contiene un gruppo eme, ovvero una molecola contenente ferro che si lega all’ossigeno. Quindi, ogni molecola di emoglobina può trasportare fino a quattro molecole di ossigeno.

Quando l’emoglobina entra in contatto con l’ossigeno nei polmoni, si lega all’ossigeno formando l’ossiemoglobina, che ha un colore rosso brillante. Essa è in grado di trasportare l’ossigeno attraverso il flusso sanguigno verso i tessuti per soddisfare le loro necessità metaboliche.

Nelle aree dei tessuti in cui l’ossigeno è richiesto, l’ossiemoglobina rilascia l’ossigeno e lo cede alle cellule. Allo stesso tempo, l’emoglobina lega il biossido di carbonio prodotto dalle cellule e lo trasporta verso i polmoni, dove verrà eliminato attraverso la respirazione.

Come accennato, l’emoglobina è fondamentale per il corretto funzionamento del corpo umano, poiché fornisce l’ossigeno vitale alle cellule dei tessuti e aiuta a mantenere l’omeostasi. Di conseguenza, le variazioni dei livelli di emoglobina possono avere un impatto significativo sulla salute

Ad esempio, un’emoglobina bassa può causare anemia e sintomi correlati alla mancanza di ossigeno.

Quali sono le cause dell’emoglobina bassa?

Quando si parla di livelli bassi di emoglobina nel sangue si tende a riferirsi alla sua principale evoluzione, ovvero l’anemia

Le cause dell’emoglobina bassa possono essere diverse, e dipendono dal tipo specifico di anemia. Le principali sono le seguenti.

  • carenza di ferro: nell’ambito delle carenze nutrizionali, quella di ferro è una delle cause più comuni di anemia. Può essere provocata da una dieta povera di ferro, da perdite di sangue croniche, come mestruazioni abbondanti o ulcere digestive, o malassorbimento di ferro da parte dell’intestino;
  • carenza di vitamina B12 o acido folico: la mancanza di questi nutrienti, essenziali per la produzione di globuli rossi sani, può portare a un’anemia megaloblastica. La carenza può essere causata da una dieta povera di alimenti dall’elevato apporto di vitamina B12 o acido folico, da problemi di assorbimento nel tratto digestivo o da condizioni mediche che interferiscono con l’assorbimento di queste vitamine;
  • malattie croniche: alcune malattie croniche, come le malattie renali, le malattie autoimmuni e il cancro, possono influenzare la produzione di globuli rossi o causare una diminuzione della loro vita media, con conseguente abbassamento dei livelli di emoglobina; 
  • emorragie e perdite di sangue eccessive: l’emoglobina bassa può essere causata da perdite di sangue significative, come emorragie acute o croniche;
  • malattie ereditarie o genetiche: malattie come la talassemia, e la carenza di enzimi necessari per la produzione di emoglobina, possono causare anemia;
  • distruzione accelerata dei globuli rossi: in alcune condizioni, i globuli rossi possono essere distrutti più rapidamente del normale, portando a bassi livelli di emoglobina. Ad esempio, l’emolisi autoimmune, in cui il sistema immunitario attacca i globuli rossi, che può causare anemia.

È importante sottolineare che queste sono solo alcune delle possibili cause dell’emoglobina bassa, e che una valutazione medica completa è necessaria per determinare la causa specifica dell’anemia. 

Quali sono i sintomi dell’emoglobina bassa?

I sintomi dell’emoglobina bassa possono variare da lievi a gravi a seconda della gravità della condizione e della sua causa sottostante. 

I più comuni sono:

  • affaticamento e debolezza: la sensazione di stanchezza costante è uno dei sintomi più comuni dell’anemia. Anche compiti semplici possono richiedere un maggiore sforzo fisico o mentale;
  • pallore della pelle: l’emoglobina bassa può causare una diminuzione della quantità di ossigeno trasportata ai tessuti, incluso alla pelle, che può apparire pallida o avere un colorito spento;
  • dispnea e mancanza di respiro: bassi livelli di emoglobina possono comportare una ridotta quantità di ossigeno che raggiunge i polmoni e, di conseguenza, una respirazione affannosa o difficoltà respiratoria anche con sforzi minimi;
  • vertigini e sensazione di testa leggera: la mancanza di ossigeno al cervello può causare sensazioni di vertigini, testa leggera o svenimenti;
  • palpitazioni o battito cardiaco accelerato: l’anemia può aumentare il lavoro del cuore per compensare la mancanza di ossigeno nei tessuti, portando a una frequenza cardiaca accelerata o a palpitazioni;
  • mancanza di concentrazione e difficoltà di memoria: una carenza di ossigeno può influire sulle funzioni cognitive, causando problemi di concentrazione, difficoltà di memoria e confusione;
  • mal di testa persistente o emicranie;
  • sensazione di freddo: la mancanza di flusso sanguigno adeguato può causare una sensazione di freddo costante, in particolare alle estremità come mani e piedi.

Questi sintomi possono essere causati anche da altre condizioni e non solo dall’anemia e dall’emoglobina bassa, per questo è importante rivolgersi a un medico per una corretta diagnosi

Come si diagnostica un livello basso di emoglobina?

La diagnosi dell’emoglobina bassa è alquanto semplice, e prevede in genere i seguenti esami:

  • esame emocromocitometrico completo: è uno strumento diagnostico fondamentale per l’anemia. Questo test fornisce informazioni sul numero di globuli rossi, emoglobina e altri parametri correlati nel sangue;
  • misurazione dei livelli di emoglobina: la concentrazione di emoglobina nel sangue può essere misurata attraverso un semplice esame del sangue. I valori normali di riferimento variano in base all’età, al sesso e ad altri fattori (li indicheremo più avanti). Un livello di emoglobina inferiore alla norma può indicare un’emoglobina bassa;
  • esame del sangue periferico: questo test prevede l’esame di un campione di sangue al microscopio, e può fornire informazioni sulle dimensioni, la forma e l’aspetto dei globuli rossi. Questo può aiutare a identificare possibili cause dell’emoglobina bassa come carenza di ferro, carenza di vitamina B12 o acido folico, o anomalie dei globuli rossi;
  • esami per determinare la causa sottostante: una volta confermata la presenza di emoglobina bassa, il medico può richiedere ulteriori esami per determinarne la causa sottostante. Questi possono includere test per la carenza di ferro, la carenza di vitamina B12 o acido folico, malattie croniche, malattie ereditarie o altre condizioni che possono influenzare i livelli di emoglobina;
  • biopsia del midollo osseo: in alcuni casi più rari, può essere necessario eseguire una biopsia del midollo osseo per valutare la produzione di cellule del sangue nel midollo osseo e identificare eventuali anomalie o disfunzioni.

Sarà il medico, dopo aver svolto un esame fisico e raccolto dati sull’anamnesi e sui sintomi del paziente, a prescrivere gli accertamenti ai quali sottoporsi

Quali sono i trattamenti possibili?

Il trattamento per l’emoglobina bassa dipende dalla causa sottostante, che deve essere identificata e diagnostica in modo adeguato. 

Le terapie possibili sono, in genere, le seguenti:

  • integratori di ferro: se l’anemia è causata da una carenza di ferro, il medico può consigliare integratori per aumentare i livelli di questo minerale nel corpo. È importante seguire le indicazioni del medico e la posologia corretta per evitare effetti collaterali o sovradosaggio;
  • integratori di vitamina B12 o acido folico: nel caso in cui l’anemia sia causata da una carenza di vitamina B12 o acido folico, il medico può prescrivere integratori di queste vitamine;
  • trattamento della causa sottostante: se l’anemia è causata da una malattia cronica, un disturbo ematologico o un’altra condizione sottostante, il trattamento mirerà a gestire e curare tale causa;
  • trasfusioni di sangue: in casi gravi di emoglobina bassa o anemia, soprattutto se associati a sintomi critici o pericolosi per la vita, può essere necessaria una trasfusione di sangue. Questo comporta la somministrazione di sangue donato per aumentare rapidamente i livelli di emoglobina nel corpo;
  • cambiamenti nella dieta: in alcuni casi, l’aumento dell’assunzione di alimenti ricchi di ferro, vitamina B12 o acido folico può essere consigliato come parte del trattamento. Un nutrizionista o un dietologo possono fornire indicazioni specifiche sulla dieta da seguire.

È fondamentale consultare un medico per una diagnosi accurata e un piano di trattamento personalizzato. Il medico determinerà la causa dell’emoglobina bassa e consiglierà la terapia più appropriata in base alla situazione individuale.

ATTENZIONE:
Le informazioni qui riportate hanno carattere divulgativo e orientativo, non sostituiscono la consulenza medica. Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai lettori, sulla base dei dati e delle informazioni qui riportati sono assunte in piena autonomia decisionale e a loro rischio.

Conosci Fondo ASIM

Fondo ASIM è operativo da ottobre 2014, ed ha lo scopo di garantire, ai lavoratori iscritti, trattamenti di assistenza sanitaria integrativa al Servizio Sanitario Nazionale. Per conoscere nel dettaglio le prestazioni sanitarie garantite ti invitiamo a consultare il Piano Sanitario presente sul nostro sito, cliccando qui.

Leggi l’ultimo numero di ASIM INFORMA