ob
Integratori alimentari

Se fai uso di integratori alimentari, o stai pensando di assumerli, forse è meglio leggere i consigli del Ministero della Salute. Vediamoli insieme.Intro. 

Secondo la ricerca «Il valore sociale dell’integratore alimentare» realizzata dal Censis e presentata nello scorso giugno 2019, in Italia circa 32 milioni di persone assumono, abitualmente o periodicamente, integratori alimentari. 

Si tratta di un numero enorme, che conferma un trend in crescita negli ultimi anni e che ha prodotto nel 2018 un valore di 3,3 miliardi di Euro, proiettandoci in cima alla classifica europea per quota di mercato

Purtroppo, gli integratori alimentari vengono spesso assunti senza una prescrizione medica o il consiglio di un farmacista, magari per moda o in seguito a una stimolazione commerciale. 

Per questo motivo, il Ministero della Salute ha ritenuto opportuno redigere un opuscolo contenente un pratico “Decalogo per un corretto uso degli integratori alimentari”

Vediamo quali sono questi 10 consigli forniti dal Ministero, non prima di aver riportato una definizione di integratore alimentare

Cosa sono gli integratori alimentari

Nella parte introduttiva del Decalogo è riportata la definizione di integratore alimentare: 

“Gli integratori alimentari sono alimenti presentati in piccole unità di consumo come capsule, compresse, fialoidi e simili.”

In poche parole, sono cibi sotto forma di pasticche o altre formulazioni. Il Ministero della Salute, però, ci tiene subito a precisare che non si tratta di farmaci:

“non hanno una finalità di cura, prerogativa esclusiva dei farmaci, perché sono ideati e proposti per favorire nell’organismo il regolare svolgimento di specifiche funzioni o la normalità di specifici parametri funzionali o per ridurre i fattori di rischio di malattia”

Quindi, se stai pensando di assumere degli integratori alimentari in sostituzione di un farmaco, fai molta attenzione e rivolgiti sempre al tuo medico curante. 

1. Gli integratori non possono sopperire a una dieta scorretta

Il primo consiglio fornito dal Ministero della Salute mette subito in chiaro che una corretta e variata alimentazione fornisce al nostro organismo tutte le sostanze di cui ha bisogno

L’uso degli integratori, laddove consigliato, deve avvenire all’interno di un contesto caratterizzato, appunto, da una alimentazione sana, e non come compensazione di comportamenti scorretti. 

2. Verifica gli effetti indicati

Gli integratori alimentari vanno assunti solo se necessario, ed è importante selezionare quelli più adatti alle tue esigenze. 

Per questo motivo, è fondamentale leggere con attenzione gli effetti benefici riportati sulla confezione – che devono essere preventivamente  autorizzati dalla Commissione europea per i loro costituenti, dopo l’accertamento del fondamento scientifico da parte dell’European Food Safety Authority (EFSA) – per verificare se quel prodotto specifico può fare o meno al caso tuo. 

3. Leggi con attenzione le etichette

Gli integratori, l’abbiamo detto, non sono tutti uguali. Oltre alla composizione e ai nutrienti in essi contenuti, possono variare anche il metodo di conservazione, le dosi da assumere, la continuità o meno del loro utilizzo, eventuali reazioni allergiche, e così via. 

Per questo motivo, devi leggere con attenzione le etichette e le modalità di uso. 

4 e 5. Parlane sempre con il tuo medico e con il pediatra

Se intendi fare uso, o già ne fai, di integratori alimentari, è fondamentale parlarne con il tuo medico curante

Lui potrà, infatti, consigliarti su quale integratore risponde meglio alle tue esigenze, e verificare la compatibilità o meno con eventuali farmaci da te assunti regolarmente per trattamenti e terapie farmacologiche. 

In caso di somministrazione di integratori alimentari a bambini, devi sempre chiedere consiglio al tuo pediatra. In gravidanza, invece, o durante l’allattamento, è opportuno chiedere al ginecologo o al medico curante.

6. Sospendi l’assunzione in assenza di effetti desiderati

L’uso di integratori alimentari ha senso nel momento in cui produce gli effetti benefici attesi. 

Laddove non dovessi avvertire questi vantaggi o, addirittura, dovessi riscontrare effetti indesiderati, sospendi l’assunzione, rivolgiti subito al medico e segnala il prodotto al farmacista. 

7. Gli integratori non sono farmaci  

Come spiegato nell’introduzione del Decalogo, è importante ricordare che gli integratori non sono farmaci. Per questo non devono e non possono essere assunti per la cura di condizioni patologiche. 

Inoltre, non si deve commettere l’errore – molto diffuso – di assumerli in dosi superiori al consigliato, pensando di aumentare i benefici attesi. 

In realtà, un sovradosaggio li snatura, rendendoli praticamente inutili.  

8. Gli integratori non servono a perdere peso

Per perdere peso è necessario seguire un regime alimentare corretto, ridurre l’apporto calorico e fare attività fisica. 

Gli integratori alimentari non devono essere assunti in sostituzione di una dieta sana, perché il loro eventuale ruolo nel dimagrimento è solo secondario. 

9. Se fai sport, scegli gli integratori giusti per te

Abbiamo già spiegato che, con una dieta equilibrata, il nostro organismo riesce ad assumere tutti i nutrienti di cui ha bisogno. 

Per chi svolge un’attività sportiva, magari a livello agonistico e professionale, può essere opportuno assumere degli integratori alimentari, ma vanno valutati la reale necessità, lo sport praticato, la sua durata e l’intensità. 

10. Attento a dove acquisti gli integratori alimentari

Non essendo farmaci, gli integratori alimentari hanno svariati canali commerciali che ne effettuano la vendita, anche online

Il Ministero ci tiene, però, a metterti in guardia, invitandoti a diffidare di “integratori e prodotti propagandati per proprietà ed effetti mirabolanti o come soluzioni “miracolose” dei tuoi problemi”. 

Fai attenzione, e non lasciarti convincere da promesse basate sul nulla. 

Conclusioni

Come vedi, il Decalogo per un corretto uso degli integratori alimentari contiene consigli semplici, di buon senso, che è importante seguire. 

Prima di comprare un prodotto, magari consigliato da un amico o da un conoscente, parlane con il tuo medico e il tuo farmacista di fiducia

Avatar