ob
laserterapia

Se ti hanno prescritto delle sedute di laserterapia, qui ti spieghiamo cos’è e quali sono le sue applicazioni pratiche. Intro. 

In seguito a traumi, interventi chirurgici o periodi di ridotta o azzerata mobilità, può essere consigliato dal proprio medico di sottoporsi a sedute di fisioterapia

In particolare, è ormai molto diffusa, da circa 25-30 anni, il ricorso ad una particolare tecnica riabilitativa: la laserterapia. 

Come vedremo più avanti nell’articolo, la laserterapia ha numerose applicazioni, dalle patologie reumatiche ai traumi sportivi, passando per la dermatologia. 

Dalla sua introduzione in campo medico, la laserterapia non ha fatto registrare danni o effetti collaterali significativi e questo l’ha resa una delle terapie più impiegate in Europa. 

Vediamo insieme in cosa consiste, come funziona e quali applicazioni pratiche ha la laserterapia. 

Cos’è la laserterapia

La laserterapia si basa su un principio molto semplice e antico, noto già all’epoca degli antichi Egizi, ovvero che il calore e la luce hanno effetti terapeutici sul nostro organismo. 

Rispetto ai bagni di sole praticati durante l’antichità, come puoi immaginare la tecnologia su cui si fonda la laserterapia è molto più evoluta ed è stata resa possibile solo dopo le scoperte di Albert Einstein e dei fisici operanti nel secondo dopoguerra. 

Come accennato prima, infatti, solo a partire dalla seconda metà degli anni ‘70  la tecnologia Laser applicata al campo medico ha visto crescere la sua diffusione, fino a diventare un perno della fisioterapia riabilitativa. 

Non ci soffermeremo, in questo contesto, sulle diverse tipologie di laser disponibili (laser continui e laser pulsati), né sulle caratteristiche che lo contraddistinguono (Monocromaticità, Brillanza, Coerenza, Unidirezionalità) perché si tratta di informazioni tecniche alquanto ininfluenti per un paziente che deve sottoporsi ad una seduta di laserterapia. 

Ci teniamo, però, a precisare una cosa. 

In cosa consiste la laserterapia

La Laserterapia non si basa sullo sviluppo di calore, come erroneamente si potrebbe pensare, ma sugli effetti fotochimici e fotobiologici provocati nelle cellule e nei tessuti interessati

Secondo numerosi studi condotti nel corso degli anni, è stato osservato che se la luce Laser è somministrata in giuste dosi, si ottiene una stimolazione di certe funzioni cellulari, soprattutto se le cellule in questione presentano dei danni o dei difetti. 

In effetti, la cellula stimolata dal Laser tende a ricaricarsi di energia. In questo modo, se appare danneggiata a causa di una infiammazione, di un trauma o di una patologia, può tornare alla sua funzione primaria. 

In parole semplici, grazie alla laserterapia le cellule possono ripararsi. 

Si tratta di un processo, in qualche modo, opposto ad altre terapie che intervengo a livello cellulare, come la chemioterapia o la radioterapia, che mirano invece a distruggere le cellule malate. 

Come funziona la laserterapia

Il termine laser fa subito pensare a tecnologie sofisticate e futuristiche, degne di un film hollywoodiano, e in effetti in molte sue declinazioni lo è senza ombra di dubbio. 

Ma quando si parla di laserterapia le cose sono molto più semplici, o in ogni caso meno fantascientifiche. 

In effetti, la laserterapia si effettua tramite l’impiego di un macchinario, le cui fattezze variano a seconda del modello e delle modalità di utilizzo. In effetti, esistono strumenti che possono richiedere o meno l’intervento diretto del terapista per tutta la durata della seduta. 

Gli scopi della laserterapia sono sostanzialmente due: 

  • antidolorifico;
  • antinfiammatorio.

Sarà il medico, di concerto con il fisioterapista, a stabilire la durata e il numero di sedute a cui sottoporsi. 

Quali sono le applicazioni pratiche della laserterapia

Nella parte iniziale dell’articolo abbiamo accennato alle molteplici applicazioni della laserterapia. 

Vediamole, ora, nel dettaglio. 

  • Artrosi
  • Sciatalgie
  • Poliartriti scapolo-omerali, delle mani e dei piedi
  • Epicondiliti
  • Artrosi dell’anca nelle fasi iniziali
  • Gonalgie con e senza versamento
  • Torcicollo
  • Lombaggini
  • Miositi
  • Stiramenti e strappi muscolari
  • Distorsioni articolari
  • Epicondiliti
  • Tendiniti
  • Contusioni
  • Ematosi ed ecchimosi
  • Borsiti
  • Edemi venosi
  • Postumi di flebite
  • Dermatosi varicose
  • Ulcere varicose
  • Herpes
  • Zoster
  • Acne cistica
  • Esiti di acne
  • Particolari casi di dermatiti
  • Riabilitazione motoria articolare dopo la rimozione di apparecchi gessati o interventi chirurgici ortopedici
  • Sinusiti
  • Ipertrofia dei turbinati
  • Riniti ribelli
  • Faringiti croniche
  • Gengiviti
  • Crisi emorroidarie acute

Conclusioni

Come vedi, la laserterapia è molto diffusa nel campo medico, e può essere prescritta per numerose patologie o terapie riabilitative e antidolorifiche. 

I trattamenti di Laserterapia a scopo fisioterapico rientrano nelle coperture del Fondo ASIM, alla voce Prestazioni alta specializzazione

Avatar