ob

Terza dose del vaccino COVID in gravidanza e allattamento

Terza dose del vaccino COVID in gravidanza e allattamento

L’Istituto Superiore di Sanità ha pubblicato le linee guida per la terza dose del vaccino anti Covid in gravidanza e allattamento. Approfondiamo. Intro. 

Verso la fine di settembre 2021 l’Istituto Superiore di Sanità ha fissato le modalità di vaccinazione anti Covid in gravidanza e allattamento, dopo molti mesi di attesa. 

Il 13 dicembre scorso, vista la situazione epidemiologica e il prosieguo della campagna vaccinale, ha pubblicato un aggiornamento contenente le linee guida per la somministrazione della terza dose del vaccino, o più correttamente della dose booster

Ne abbiamo parlato qui

Vediamo, quindi, cosa c’è da sapere in merito alla terza dose del vaccino COVID in gravidanza e allattamento

Terza dose del vaccino in gravidanza

“Si raccomanda l’offerta di una dose di vaccino a mRNA, come richiamo (booster) di un ciclo vaccinale primario in accordo con le disposizioni in vigore, alle donne in gravidanza che si trovino nel secondo e terzo trimestre e desiderino vaccinarsi.”

L’invito da parte della comunità medica e scientifica è, come si vede, molto chiaro e contiene anche delle indicazioni temporali. 

Le donne in gravidanza possono (e dovrebbero) vaccinarsi contro il COVID con un vaccino a mRNA (Moderna e/o Pfizer, al momento), tra il secondo e terzo trimestre

Nel periodo precedente, quindi nel primo trimestre, non sono ancora disponibili sufficienti dati tali da fornire un adeguato grado di sicurezza, per questo si invita a vaccinarsi nelle settimane successive. In ogni caso, è preferibile e consigliato parlarne con il proprio medico prima di decidere

La somministrazione deve essere eseguita nei dosaggi autorizzati allo scopo (30 mcg in 0,3 mL per Comirnaty; 50 mcg in 0,25 mL per Spikevax), indipendentemente dal vaccino utilizzato per il ciclo primario, e purché sia trascorso un intervallo minimo di almeno cinque mesi dal completamento dello stesso.

La dose di richiamo può essere somministrata contestualmente alle vaccinazioni contro l’influenza e la pertosse raccomandate in gravidanza.

Terza dose del vaccino in allattamento

“L’ISS raccomanda l’offerta di una dose di vaccino a mRNA, come richiamo (booster) di un ciclo vaccinale primario in accordo con le disposizioni in vigore, alle donne che allattano, senza alcuna necessità di interrompere l’allattamento.”

Anche per quanto riguarda la vaccinazione anti COVID in allattamento l’indicazione dell’ISS è molto chiara. Si consiglia alle donne in allattamento di sottoporsi alla somministrazione della dose booster del vaccino, senza che questo comporti una interruzione dell’allattamento stesso. 

Il tipo di vaccino da impiegare, i dosaggi e i tempi di attesa dal completamento del ciclo vaccinale restano gli stessi già elencati sopra. 

La vaccinazione non espone il lattante a rischi e gli permette di assumere tramite il latte anticorpi contro SARS-CoV-2, offrendo loro così una protezione dall’infezione e dagli effetti della malattia.

Il neonato allattato da madre vaccinata può seguire senza problemi il suo calendario vaccinale.

Per approfondire, si invita a leggere le linee guida integrali, qui.

ATTENZIONE:
Le informazioni qui riportate hanno carattere divulgativo e orientativo, non sostituiscono la consulenza medica. Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai lettori, sulla base dei dati e delle informazioni qui riportati sono assunte in piena autonomia decisionale e a loro rischio.