ob

Carie ai denti: cosa sono e come riconoscerle

Carie ai denti cosa sono e come riconoscerle

Cosa sono le carie dentali, quali sono le cause principali, come si riconoscono e quali sono le opzioni terapeutiche? Scopriamolo insieme. Intro. 

Le carie dentali rappresentano una delle problematiche più comuni a livello mondiale nell’ambito della salute dentale

Queste lesioni, causate dall’azione dei batteri sulla superficie dei denti, possono progredire silenziosamente, minacciando la salute orale nel corso del tempo.   

Comprendere le carie dentali, dalla loro formazione ai metodi di prevenzione e trattamento, è essenziale per preservare la salute dei denti e garantire un sorriso raggiante nel lungo termine

Approfondiamo insieme, e cerchiamo di capire cosa sono le carie, perché si formano e come si curano.

Cosa sono le carie?

Una carie è una malattia progressiva che colpisce i denti, provocando la distruzione del tessuto duro, come lo smalto e la dentina. È causata principalmente da batteri presenti nella placca dentale, una pellicola trasparente che si forma sulla superficie dei denti.

Cosa succede? I batteri nella placca metabolizzano gli zuccheri presenti nei cibi, producendo acidi che attaccano lo smalto dei denti. Nel corso del tempo, se la placca non viene rimossa attraverso una corretta igiene orale, gli acidi possono causare la formazione di piccole cavità o buchi nei denti, noti, appunto, come carie.

Le carie possono causare sensibilità ai cibi caldi, freddi o dolci, oltre a provocare dolore e infiammazione. Se non trattate, possono progredire e coinvolgere strati più profondi del dente, incluso il tessuto della polpa che contiene nervi e vasi sanguigni. 

In casi avanzati, possono verificarsi infezioni, ascessi e danni gravi ai denti, richiedendo interventi come otturazioni o trattamenti canalari

Profondità della carie: classificazione in 4 gradi

La profondità di una carie si riferisce a quanto il danno si è esteso all’interno del dente. Le carie iniziano di solito sulla superficie dello smalto, la parte più esterna del dente, ma possono progredire più a fondo nei tessuti dentali se non trattate. 

Le fasi di profondità della carie vengono classificate in 4 gradi:

  • Carie di 1° grado: nella fase iniziale, la carie colpisce lo smalto dentale. Lo smalto è la parte più dura del dente, e le prime carie a questo livello possono essere reversibili attraverso processi di remineralizzazione o con interventi minimali.
  • Carie di 2° grado: se la carie supera lo smalto e raggiunge la dentina, il tessuto più morbido situato sotto lo smalto, può verificarsi sensibilità ai cambiamenti di temperatura e al cibo. Il trattamento a questo stadio spesso coinvolge la rimozione del tessuto danneggiato e la ricostruzione del dente con una otturazione.
  • Carie di 3° grado (pulpite): la polpa dentale è il tessuto più interno del dente, contenente nervi e vasi sanguigni. Quando la carie raggiunge la polpa, può causare dolore più intenso e può richiedere un trattamento radicale, come il trattamento canalare, che coinvolge la rimozione della polpa infetta.
  • Carie di 4° grado: rappresenta uno stadio avanzato in cui la lesione cariosa ha progredito significativamente all’interno del dente. In questo stadio, la polpa del dente è in uno stato avanzato di necrosi, indicando che il tessuto nervoso all’interno del dente è morto. Inoltre, l’infezione si è estesa oltre la polpa coinvolgendo i tessuti molli della radice dentale. Questa condizione richiede un intervento odontoiatrico immediato e più invasivo (es. un impianto dentale).

La gestione della carie dipende dalla sua profondità. Carie superficiali possono spesso essere trattate con otturazioni dentali, mentre carie più profonde possono richiedere procedure più invasive come il trattamento canalare o, nei casi più gravi, l’estrazione del dente. 

È fondamentale intervenire tempestivamente per prevenire la progressione della carie e limitare i danni al dente. Le visite regolari dal dentista per la pulizia e la valutazione della salute dentale sono essenziali per individuare e trattare le carie in modo precoce.

Tipi di carie dentali

Le carie dentali possono manifestarsi in diverse forme e presentare caratteristiche specifiche a seconda del loro sviluppo e delle cause sottostanti.

Vediamo insieme i vari tipi di carie ai denti.

  • Carie acuta: è caratterizzata da un’evoluzione rapida, con danni ai tessuti dentali che si verificano in modo accelerato. Questo tipo di carie può causare sintomi più intensi e richiedere un intervento tempestivo.
  • Carie cronica: ha un’evoluzione più lenta. Questo tipo di carie può progredire gradualmente nel tempo, con sintomi che potrebbero non essere evidenti finché la carie non è già avanzata.
  • Carie secca o arrestata: si verifica quando la carie smette di progredire. In questa fase, il dente può mostrare segni di remineralizzazione, e la carie può essere fermata o arrestata con adeguate misure preventive e trattamenti.
  • Carie recidivante e secondaria: si verifica quando una nuova carie si sviluppa nella stessa area di un dente precedentemente trattato per una carie. Può anche essere causata da fattori che compromettono il successo di un precedente intervento odontoiatrico.
  • Carie centrale: coinvolge il centro del dente, compromettendo il tessuto più profondo. Questo tipo di carie può richiedere un trattamento più invasivo per ripristinare la salute del dente.
  • Carie senile: colpisce il cemento radicolare, la parte del dente che copre le radici. Questo tipo di carie può essere più comune negli anziani.
  • Carie da vapori acidi: può svilupparsi a causa dell’esposizione a vapori acidi, come quelli derivanti da sostanze chimiche o ambienti lavorativi specifici.
  • Carie dei lavoratori dello zucchero: è associata a un’elevata esposizione agli zuccheri, comune in coloro che lavorano con la produzione dello zucchero.
  • Carie da radiazioni ionizzanti: può verificarsi in persone che sono state sottoposte a trattamenti radioterapici nella zona della testa e del collo, dove la radiazione può compromettere la salute dei denti. 

La gestione di ciascun tipo di carie richiede un approccio specifico, spesso guidato dalla causa sottostante e dallo stadio di sviluppo della carie stessa.

Perché si formano le carie? Cause e fattori di rischio

Le carie si formano principalmente a causa dell’azione di batteri presenti nella placca dentale. Come accennato, la placca è una sottile pellicola aderente di batteri, proteine e residui alimentari che si forma costantemente sulla superficie dei denti. 

Quando si consumano cibi contenenti zuccheri o carboidrati, i batteri presenti nella placca metabolizzano questi zuccheri producendo acidi. Gli acidi possono erodere lo smalto dei denti, che è la parte esterna e dura dei denti.

Ecco i passaggi principali che portano alla formazione delle carie:

  • formazione della placca: i batteri si accumulano sulla superficie dei denti formando la placca dentale;
  • produzione di acidi: i batteri nella placca metabolizzano gli zuccheri provenienti dalla dieta e producono acidi come sottoprodotto;
  • attacco allo smalto: gli acidi attaccano lo smalto dentale, che è la copertura esterna protettiva dei denti. Lo smalto è composto principalmente da minerali come il calcio e il fosforo;
  • formazione di cavità: se l’esposizione agli acidi persiste, può verificarsi la formazione di piccole cavità o buchi nello smalto, che sono le carie iniziali;
  • progredire della carie: se non trattata, la carie può progredire attraverso lo smalto e raggiungere la dentina, il tessuto sottostante. La carie può poi raggiungere la polpa dentale, contenente nervi e vasi sanguigni, causando dolore e infiammazione.

Alcuni fattori di rischio per lo sviluppo delle carie includono: 

  • una dieta ricca di zuccheri e carboidrati;
  • una cattiva igiene orale; 
  • una produzione di saliva ridotta;
  • la presenza di carie precedenti;
  • la genetica. 

La prevenzione delle carie coinvolge una corretta igiene orale, una dieta bilanciata e controlli regolari dal dentista.

Come si fa a capire se si ha una carie?

La presenza di una carie può manifestarsi attraverso diversi segnali e sintomi. Tuttavia, è importante notare che le carie iniziali potrebbero non causare alcun sintomo evidente

Ecco come capire se si ha una carie:

  • dolore o sensibilità: uno dei sintomi più comuni è il dolore o la sensibilità ai cibi caldi, freddi o dolci. Se si prova dolore quando si mangia o beve qualcosa di caldo o freddo, potrebbe essere un segno di carie;
  • dolore durante il masticare: se si avverte dolore o disagio mentre si morde o mastica, potrebbe indicare la presenza di una carie, soprattutto se il dolore è localizzato in una specifica area del dente;
  • macchie scure o buchi visibili: le carie avanzate possono causare la formazione di buchi visibili sulla superficie del dente. Inoltre, si potrebbero notare macchie scure o decolorazioni;
  • sensazione di asprezza o bordi irregolari: passando la lingua sulla superficie dei denti, si potrebbe percepire una sensazione di asprezza o notare bordi irregolari, segnali che potrebbero indicare la presenza di una carie;
  • cattivo gusto o alito cattivo: una carie avanzata può causare alito cattivo o un cattivo gusto in bocca.

Se si sospetta di avere una carie o si riscontra uno qualsiasi di questi sintomi, è importante consultare il dentista il prima possibile

Un controllo dentale regolare è inoltre fondamentale per individuare eventuali problemi precocemente, anche prima che si manifestino sintomi evidenti.

Come si curano le carie ai denti?

Il trattamento delle carie dipende dalla gravità e dalla profondità della lesione. Ecco alcune opzioni comuni per il loro trattamento:

  • pulizia professionale: in casi di carie in fase precoce o di carie superficiale, il dentista può decidere di rimuovere il tessuto cariato con strumenti dentali e successivamente eseguire una pulizia professionale;
  • otturazioni dentali: questo è il trattamento più comune per le carie in fase iniziale. L’odontoiatra rimuove il tessuto danneggiato e riempie la cavità con un materiale di otturazione, come amalgama d’argento, resina composita o altri materiali;
  • trattamento canalare: se la carie ha raggiunto la polpa dentale, il dentista può eseguire un trattamento canalare. Questo procedimento coinvolge la rimozione della polpa infetta, la pulizia e la disinfezione dei canali radicolari e la successiva otturazione del dente;
  • corone dentali: se la carie è estesa e ha indebolito significativamente il dente, potrebbe essere necessario applicare una corona dentale. La corona è un rivestimento che copre il dente, ripristinandone la forma e la funzione;
  • estrazione: se la carie è così estesa da compromettere irrimediabilmente il dente e se altre opzioni di trattamento non sono praticabili, l’estrazione del dente potrebbe essere necessaria.

È importante sottolineare che il trattamento dovrebbe essere personalizzato in base alla situazione specifica di ciascun paziente. Inoltre, la prevenzione è fondamentale per evitare lo sviluppo delle carie

Ricordiamo agli iscritti che il Piano sanitario del Fondo ASIM prevede un’intera sezione dedicata all’assistenza odontoiatrica integrativa. Per approfondire, invitiamo a consultare il sito web, cliccando qui

ATTENZIONE:
Le informazioni qui riportate hanno carattere divulgativo e orientativo, non sostituiscono la consulenza medica. Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai lettori, sulla base dei dati e delle informazioni qui riportati sono assunte in piena autonomia decisionale e a loro rischio.

Conosci Fondo ASIM

Fondo ASIM è operativo da ottobre 2014, ed ha lo scopo di garantire, ai lavoratori iscritti, trattamenti di assistenza sanitaria integrativa al Servizio Sanitario Nazionale. Per conoscere nel dettaglio le prestazioni sanitarie garantite ti invitiamo a consultare il Piano Sanitario presente sul nostro sito, cliccando qui.

Leggi l’ultimo numero di ASIM INFORMA